Domande & Risposte

La Dottoressa Valentina Giacometti fornisce i migliori consigli alimentari per una dieta sana e corretta.

Come nutrirsi in modo corretto e ritrovare l’equilibrio evitando diete drastiche?

Digiunare o sottoporsi a regimi dietetici fortemente ipocalorici come le classiche diete “fai da te” o “la dieta del minestrone”, non solo è sbagliato, ma disequilibri nutrizionali di questo tipo possono comportare conseguenze negative a lungo termine.

In cosa consiste una colazione sana e bilanciata?

Sono molti i miti da sfatare riguardo a una colazione “sana e bilanciata”. Gli errori che spesso involontariamente si fanno riguardano una colazione veloce, poco “nutriente” e di conseguenza poco saziante, ma soprattutto ricca - a volte davvero troppo - di carboidrati raffinati e zuccheri semplici.

Si può sostituire la cena con la frutta?

È giusto cenare semplicemente con la frutta? La mia risposta decisa e convinta è no. Mangiando solo una porzione abbondante di frutta introduciamo solo zuccheri semplici, tralasciando proteine e grassi, creando squilibrio tra i macro-nutrienti e riducendo il senso di sazietà.

Colazione e spuntini per il rientro a scuola

Settembre è per tutti il mese del rientro: per gli adulti ricomincia il lavoro con i suoi ritmi, per i più piccoli ritorna la routine scolastica. Ecco perché sarà importante iniziare bene la giornata con una sana colazione e con spuntini energetici e salutari.

Frutta e verdura color arancione

Zucche, cachi e meloni sono alimenti super vitaminici. L’arancione comunica vitalità, buonumore e ottimismo. Frutta e verdura autunnali di questo colore sono ricche di vitamina C, betacarotene, zinco e flavonoidi: un toccasana per la salute e un piacere per la gola.

Alimentazione per capelli sani

Per una chioma sana e bella è importante introdurre attraverso una corretta alimentazione i nutrienti che proteggono i capelli, li rinforzano e ne aiutano la ricrescita. La nutrizionista propone una serie di alimenti che contengono sostanze fondamentali per la salute dei capelli.

Il pasto serale dei bimbi

Anche per i bimbi la cena deve essere saziante ma leggera così da favorire un riposo ristoratore e un recupero completo delle energie spese in giornata. Per questo motivo meglio evitare piatti ricchi di condimento e carne - in particolare quella rossa - che richiede tempi di digestione lunghi e complessi.

Indice Glicemico

L'Indice Glicemico (IG) di uno specifico carboidrato, o di un particolare alimento, indica quanto questo alimento fa innalzare rapidamente la glicemia - cioè gli zuccheri nel sangue - se paragonato ad un alimento preso come standard di riferimento, ad esempio lo zucchero da tavola (che ha un IG pari a 100). 

Quali oli per friggere?

Per scegliere l'olio migliore per le fritture, occorre sapere che i grassi cambiano conformazione chimica quando raggiungono il punto di fumo, ossia la temperatura alla quale cominciano a formare sostanze volatili dannose per l'organismo.

 

Dieta mediterranea e carboidrati

La dieta mediterranea definisce come standard un apporto di carboidrati variabile dal 55% al 60%. Se confrontata con altre diete, la dieta mediterranea apporta un quantitativo di carboidrati alquanto superiore, ma occorre seguire le indicazioni del nutrizionista, che distingue tra diversi tipi di carboidrati.
 

Alimenti e pelle

E ormai scientificamente provato che esiste una correlazione tra bellezza della pelle e alimentazione. In realtà la relazione è molto più profonda, soprattutto per chi soffre di forme acneiche e simili: segno che qualcosa non va a livello endocrino e che ci sono probabilmente squilibri ormonali che causano questo problema.

Le proteine in una corretta alimentazione

Le proteine animali non sono da bandire completamente dalle nostre tavole: ci sono proteine e proteine, inoltre ogni persona è a sé, con caratteristiche individuali che incidono sulle raccomandazioni relative al consumo di carne, legumi e carboidrati.
 

È vero che non bisogna abbinare carne e formaggi?

Abbinare carne e formaggi è sicuramente sbagliato: entrambi infatti sono alimenti proteici di origine animale e  ricchi di grassi - per lo più saturi - che richiedono una digestione molto lenta e complessa.

Bere lontano dai pasti

Bere acqua fa bene, ma spesso sentiamo dire che bisogna bere lontano dai pasti. Il nutrizionista conferma questa raccomandazione, in quanto assumere liquidi insieme alle pietanze provoca gonfiore allo stomaco e diluisce i succhi gastrici rendendoli meno efficaci per la digestione.
 

Cicoria e colecisti

La cicoria ma sopratutto la sua radice, contiene inulina, colina, tannino, l’acido cicorico, sali minerali e vitamine (B, C, K, P). Vari studi dimostrano che l’inulina riduce notevolmente il rischio di cancro intestinale agendo come prebiotico e favorendo il mantenimento della flora intestinale.

Additivi alimentari

Recentemente è stato pubblicato sulla rivista Nature (Dietary emulsifiers impact the mouse gut microbiota promoting colitis and metabolic syndrome, Benoit Chassaing et al., Nature 519, 92–96, March 2015) un interessantissimo studio sull’effetto degli additivi alimentari ed in particolare sugli emulsionanti  sulla salute.

Ci sono uova e uova

Per legge le uova devono essere marchiate e per risalire alla la provenienza è sufficiente osservare con attenzione il codice identificativo dal quale possiamo avere informazioni molto precise su provenienza e tipologia di produzione.

Zucca

Il termine zucca deriva da "cocutia" (testa), poi trasformato in "cocuzza", "cozuccae" e, infine, zucca. È originaria dell'America Centrale e i semi più antichi, ritrovati in Messico, risalgono al 7000-­6000 a.C.

Zenzero

Lo zenzero è una nota spezia dal sapore piccante, con aroma gradevole, caldo e pungente è costituito dal fusto sotterraneo di Zingiber officinale (Fam. Zingiberaceae), una pianticella perenne nativa dell'Asia meridionale  e coltivata nella maggior parte dei  Paesi  tropicali (Africa,  Giamaica, Australia, Isole dell'arcipelago indiano ecc.). 

Pomodori secchi

La pianta del pomodoro (Solanum lycopersicum) è originaria dell'America Latina e fu per un lungo tempo coltivata in Europa a solo scopo ornamentale, poiché i frutti non erano ritenuti commestibili; solo con l'inizio del secolo, nei paesi mediterranei, iniziò la coltivazione intensiva.

Burro o margarina?

Il processo per produrre la margarina fu sviluppato nel 1869 in risposta ad una richiesta di Napoleone III di creare un metodo praticabile per la produzione di un sostituito del burro a basso costo.

E' corretto associare cereali e legumi?

Associare i cereali con i legumi, è tipico della cucina povera e della dieta mediterranea ed  ha anche importantissime implicazioni dal punto di vista nutrizionale. Pasta e legumi rappresenta un esempio di un eccellente abbinamento tipico della dieta mediterranea. 

Quali sono le proprietà del Kamut® o Khorasan?

Il Kamut® o Khorasan è un'eccellente fonte di proteine, acidi grassi essenziali, vitamine e minerali: in particolare è ricco di selenio, magnesio, zinco e vitamina E. Il suo contenuto di glutine non lo rende tuttavia adatto alla dieta di soggetti celiaci.

Che cos'è il Kamut®?

Il “Kamut®” si riferisce ad un marchio registrato che attesta qualità e proprietà dell'azienda americana Kamut. Il nome preserva e designa esplicitamente una particolare varietà di grano della sottospecie Triticum turgidum ssp.

Che cos'è il Lupino Bianco?

Il lupino bianco (Lupinus albus L.) è un legume altamente energetico coltivato sin dai tempi più remoti nelle aree del Mediterraneo e del Medio Oriente.

Quali sono le proprietà del Farro?

Il farro contiene un aminoacido essenziale mancante o carente in molti altri cereali: la metionina, coinvolta nella sintesi di carnitina, cisteina, lecitina, taurina, fosfatidilcolina ed altri fosfolipidi.

Abbinamenti della Dieta Mediterranea: cereali e legumi, le proteine vegetali

L’associare i cereali con i legumi, è tipico della cucina povera e della dieta mediterranea ed  ha anche importantissime implicazioni dal punto di vista nutrizionale.

Come si ottiene l'Olio di Palma?

L’olio di palma si ottiene dalla spremitura dei frutti della palma Elaeis guineensis. Si tratta di un olio di colore rosso acceso per l’elevato contenuto di carotenoidi, ampiamente utilizzato nei paesi in cui la palma viene coltivata (Africa, Asia e America centro-meridionale). 

Normativa Europea per l'Olio di Palma in etichetta

Lo scorso 14 dicembre 2014 è entrata in vigore la normativa europea secondo la quale le aziende non potranno più scrivere sulle etichette dei prodotti alimentari la dicitura “oli vegetali”, ma dovranno indicare di che tipo di olio si tratta.

L’Olio di Palma e l’ambiente

Uno studio pubblicato sul Journal of Geophysical Research: Biogeosciences ha dimostrato che i corsi d’acqua vicini alle piantagioni di palme da olio, nei pressi dei confini del parco nazionale Gunung Palung nel Borneo indonesiano, presentano acqua in media più calda di 4 gradi centigradi.

Effetti dell'Olio di Palma sulla salute

Riguardo le conseguenze sulla nostra salute a seguito del consumo di olio di palma, i dati presenti in letteratura sono abbondanti e controversi.

Che cosa sono i Semi di Canapa?

I semi di Canapa (Cannabis Sativa L), sono alimenti vegetali tipici orientali (ad es. dell'India) e della Russia, recentemente rivalutati, in virtù delle loro proprietà nutrizionali.

Quante varietà di Farro esistono?

Vi sono tre varietà, farro piccolo o farro monococco (Triticum monococcum); farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); farro grande o farro spelta o semplicemente spelta (Triticum spelta).
Condividi su: facebook share twitter share google+ share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner